Il tetto, copertura isolante

Un tetto ben fatto è fondamentale per la salute di tutta la casa e, se progettato con cura, ha la capacità di renderla molto confortevole.

Image

Si dice che una casa debba avere buoni stivali e un ombrello resistente. Anche noi pensiamo che sia così, gli estremi di un’abitazione devono possedere due caratteristiche fondamentali:

  • capacità di isolamento termico

  • impermeabilità

Il tetto e le fondamenta, infatti, giocano un ruolo di primo piano per la protezione dal freddo, dal caldo, dalla pioggia e dall’umidità di risalita. Solo curando bene queste parti dell’edificio la casa godrà di lunga vita.

Il tetto, poi, deve anche essere traspirabile: deve facilitare il passaggio verso l’esterno dell’umidità che naturalmente si accumula nei sottotetti, onde evitare la creazione di muffe.

Lo studio della stratigrafia di un solaio di copertura, pertanto, è un momento molto delicato: è necessario esaminare le caratteristiche climatiche, tenere conto dei tre aspetti sopra esposti, conoscere le caratteristiche dell’edificio e gli eventuali vincoli urbanistici architettonici gravanti.

In questa pagina vi proponiamo la stratigrafia perfetta per due tipi di tetto molto differenti fra loro: un tetto piano e un tetto a falde, entrambi collocati in una zona geografica caratterizzata da estati molto calde e inverni freddi, in cui le precipitazioni nevose sono scarse ma quelle piovose possono essere particolarmente abbondanti.

Sul finale accenneremo ad un terzo tipo di tetto del tutto speciale, il tetto verde.

 

Progettazione di un tetto piano

 il tetto copertura isolante studio lancri 9

 

Siamo progettisti bio-edili, pertanto  tendiamo al raggiungimento della migliore soluzione utilizzando il più possibile materiali naturali o riciclati perché, oltre ad essere più ecologici, possiedono anche le migliori qualità di isolamento e traspirabilità.

Premessa doverosa: un tetto detto “piano” non è mai del tutto piano perché viene costruito con un sistema di micro-pendenze che garantiscono lo scolo dell’acqua. Tale pendenza non è percepibile ad occhio nudo, se non con una livella ad acqua; ricordiamoci che all’acqua bastano pochi gradi di inclinazione per scorrere in modo ordinato dove la vogliamo convogliare.

In questo caso, avendo il vincolo di dover progettare un tetto piano, abbiamo pensato ad una struttura in legno costituita da diversi strati, ognuno esplicante una precisa funzione:

  • Struttura portante in travi di legno

  • Doppio tavolato inchiodato incrociato di resistenza strutturale

  • Membrana sottotetto traspirante protettiva con funzione impermeabile e anticondensa

  • Pannelli di vetro cellulare, materiale che si ottiene tramite il riciclo del vetro. La sua funzione è fondamentale in quanto è un isolante termico ideale in inverno ed essendo molto leggero non va ad appesantire il tetto.

 

 

il tetto copertura isolante studio lancri 14

  

  • Guaina protettiva in EPDM, materiale flessibile ed elastico che, a differenza delle guaine bituminose, mantiene il suo comportamento anche in presenza di sbalzi di temperatura e dura molto più a lungo, soprattutto quando non direttamente esposto ai raggi UV.
  • Strato di ghiaia. La ghiaia, grazie alla sua massa, funge da volano termico in quanto fa da massa termica e migliora molto la prestazione di un tetto in legno in estate che potrebbe essere sensibile al surriscaldamento. La ghiaia, inoltre, riflette i raggi solari e protegge la guaina sottostante, raddoppiandogli la vita utile. 

 il tetto copertura isolante studio lancri 15

 

 

Progettazione di un tetto a falde e con isolamento in ballette di paglia

 

tetto copertura isolante posa paglia

 

Questo invece è il progetto di un tetto di una casa in legno e paglia. Le ballette di paglia possiedono una massa tale da garantire un buon isolamento sia estivo che invernale.

 

 il tetto copertura isolante studio lancri 12

 

La stratigrafia per questo tipo di copertura è la seguente:

  • Struttura portante in travi di legno
  • Doppio tavolato inchiodato incrociato di resistenza strutturale.
  • Membrana sottotetto di freno al vapore igrovariabile, per evitare la creazione di condensa all’interno del tetto.
  • Ballette di paglia di grano spesse circa 35 cm. Le ballette di paglia isolano in entrambe le stagioni, basti pensare che la paglia pesa circa 150 kg al mc mentre il materiale tra i più utilizzati per l’isolamento, l’eps, pesa circa 40 kg al mc.

 il tetto copertura isolante studio lancri 17

  

  • Tavolato in legno protettivo
  • Membrana sotto-tegola con funzione impermeabile e traspirante
  • Strato di ventilazione di 5 cm (tipico dei tetti ventilati) per diminuire il potenziale surriscaldamento.
  • Manto di copertura finale in coppi o tegole  in laterizio, tipici della maggior parte dei paesi e delle città d’Italia. I coppi vengono fissati per mezzo di un sistema di orditura leggera in listelli di legno (uno sistema di listelli posto secondo pendenza ed il secondo sistema trasversale ad essa)

 

il tetto copertura isolante studio lancri 16

 

Soluzioni alternative: il tetto verde

 

il tetto copertura isolante studio lancri 6

 

I tetti verdi sono, di fatto, una forma di adattamento e di mitigazione verso i cambiamenti climatici e si basano su soluzioni offerte dalla natura stessa (Nature Based Solutions) e apportano numerosi benefici: 

  • Mitigano l’azione dilavatrice delle così dette “bombe d’acqua”
  • Isolano in modo eccezionale dal caldo e dal gelo e abbassano la richiesta energetica dell’abitazione, fungendo da volano termico (grazie alla loro massa termica, proprio come accade per i tetti con strato in ghiaia)
  • Isolano molto più efficacemente dal rumore esterno proprio perché sono “massivi”
  • Catturano C02, producono ossigeno e contribuiscono a conservare la biodiversità
  • Riducono il fenomeno tipicamente cittadino delle “isole di calore”, basti pensare che su un tetto verde le temperature massime estive raggiungono i 25-30 gradi, contro i 70 gradi di una copertura tradizionale.

Solitamente le specie coltivate sul tetto verde sono quelle autoctone, molto diffuso è il Sedum perché richiede una bassa manutenzione a fronte di una grande resistenza.

 

il tetto copertura isolante studio lancri 7

 

Un tetto verde può essere sia piano che a falde e può prevedere uno strato più spesso di terriccio e humus per l’attecchimento e la crescita di piante anche più grandi. Ciò richiede maggiori costi per le opere strutturali che dovranno sostenere maggior peso.

La progettazione di tetti verdi, sviluppatasi soprattutto nei paesi del nord, ha origini antiche e negli anni si è sempre più ingegnerizzata e diffusa, anche grazie alle spinte di progetti e proposte Europee. 

Qualunque sia il tetto che desiderate per casa vostra, l’importante è progettarlo con attenzione, considerando le necessità dei futuri inquilini e quelle del nostro pianeta.



 

La progettazione Bioclimatica

La progettazione Bioclimatica

L’architettura bioclimatica è quell'arte della progettazione architettonica che parte dalle caratteristiche climatiche e ambientali del sito di edificazione e riesce a sviluppare un progetto coerente, sfruttando al massimo l'energia e le possibilità offerte dal territorio.

Scopri di più
Bambù, l’acciaio vegetale

Bambù, l’acciaio vegetale

Lo chiamano "oro verde" o "acciaio vegetale", per noi è il materiale di svolta del millennio!

Il Bambù è il materiale perfetto per una società estremamente bisognosa di sostenibilità qual è la nostra.

Scopri di più
Bioedilizia e bioarchitettura

Bioedilizia e bioarchitettura

La bioedilizia e la bioarchitettura sono discipline progettuali e costruttive che prediligono l’uso di materiali naturali, sostenibili, ecologici, basso emissivi, salubri, eventualmente riciclati e con un ciclo di vita virtuoso, sia nella fase produttiva, sia in quella di smaltimento finale.

Scopri di più

Per approfondire

Casa della paglia e del sorriso

Casa della paglia e del sorriso

Vedere oltre le apparenze e sprigionare il potenziale di una vecchia unità immobiliare è l’operazione che abbiamo fatto con questo progetto di demolizione e ricostruzione, in cui materiali naturali sono stati i veri protagonisti.

Scopri di più
Una stalla dal tetto in legno

Una stalla dal tetto in legno

È stato completato il tetto di questa nuova stalla nel modenese, realizzato con una struttura in legno lamellare certificato PEFC.

 

Scopri di più
Casa delle streghe

Casa delle streghe

Il progetto è sito in Germania, nel nord del Brandeburgo, nella cosiddetta "die deutsche Tuscany" o "Toscana tedesca", proprio per la bellezza delle sue colline e la dolcezza del suo paesaggio. Abbiamo sviluppato il progetto architettonico in collaborazione con lo studio Spreeplan Projekt UG di Berlino.

Scopri di più

In evidenza

Nuova stalla con biogas nel modensein corso

Nuova stalla con biogas nel modense

Questa azienda agricola ha la necessità, nel 2018, di ampliare le sue strutture aziendali. Nata nel 1978, l’azienda certificata NO OGM produce latte destinato al Parmigiano Reggiano ed è negli ultimi anni in crescita costante.

Scopri di più
Superbonus: il cappotto termico

Superbonus: il cappotto termico

Gli incentivi messi a disposizione in questi mesi sono di proporzioni mai viste prima; sta a noi sfruttarli con criterio, prolungando il nostro orizzonte fino alle future generazioni.

Scopri di più
La progettazione Bioclimatica

La progettazione Bioclimatica

L’architettura bioclimatica è quell'arte della progettazione architettonica che parte dalle caratteristiche climatiche e ambientali del sito di edificazione e riesce a sviluppare un progetto coerente, sfruttando al massimo l'energia e le possibilità offerte dal territorio.

Scopri di più

Vuoi conoscerci meglio?

Siamo a tua disposizione per parlare di progetti in bioedilizia e bioarchitettura. Iniziamo dalle tue aspettative e cerchiamo insieme le soluzioni migliori per costruire in modo sostenibile.

 

Dichiaro di aver preso visione della privacy presente nel sito

loading