Bioedilizia e bioarchitettura pensare

La bioedilizia e la bioarchitettura sono discipline progettuali e costruttive che prediligono l’uso di materiali naturali, sostenibili, ecologici, basso emissivi, salubri, eventualmente riciclati e con un ciclo di vita virtuoso, sia nella fase produttiva, sia in quella di smaltimento finale.

La bioedilizia e la bioarchitettura sono settori ampi, al cui interno convivono numerose metodologie e approcci.

Caso per caso vanno studiate le soluzioni tecniche idonee e la loro fattibilità, prediligendo sempre i materiali e le tecniche costruttive storico-artistiche locali.

L’Italia e l’Europa possiedono una grande varietà edile e offrono una ampissima scelta di tipologie costruttive, archetipi e consuetudini.

 

Vantaggi  e benefici della bioedilizia 

 

La scelta di metodi costruttivi sostenibili, combinata all’eco-design, può offrire numerosi vantaggi in ambito ambientale, economico e sociale:

  • La creazione di locali ad alto comfort e ad alto benessere termico e igronometrico, cioè di autoregolazione dell’umidità dell’aria.
  • La creazione di ambienti salubri e sani, in cui l’aria è  priva di inquinanti, di particelle tossiche o volatili (come i VOCs) e di allergeni.
  • La realizzazione di edifici ad alto risparmio energetico e a bassi costi di utenze.
  • La libertà dagli impianti di ventilazione meccanica forzata, grazie ad un "sistema casa" che mantiene una temperatura e un tasso di umidità ottimali.
  • La ridistribuzione delle risorse su larga scala, grazie all’impiego di materiali locali, regionali e naturali che alimentano cicli economici circolari e valorizzano l’artigianato e la dignità del lavoratore.
  • L'alto valore etico e di responsabilità sociale verso le future generazioni.
  • La riduzione dell’effetto serra, prima ancora del risparmio in bolletta, in virtù del fatto che la maggior parte dei materiali utilizzati quali il legno, il grano, la canapa e il sughero, durante la loro vita hanno assorbito CO2 e rilasciato ossigeno. 

 

intonaco finestra della verita studio lancri bioedilizia

 

 

Materiali della bioedilizia 

 

La proposta di materiali naturali in bioedilizia e bioarchitettura è molto ampia e in continua evoluzione, così come le tecniche e le possibilità di utilizzo di ciascun materiale.

Una forte tendenza del mercato edile odierno è quella di presentare prodotti edili convenzionali come "bio", "eco" o "sostenibili".

Queste operazioni di marketing che utilizzano parole e colori vicini al mondo della sostenibilità su schede tecniche e imballaggi può essere ingannevole ed è distante dalla vera bioedilizia.

Sono realmente sostenibili e a risparmio energetico solo quei materiali edili naturali o riciclati che fanno un’analisi dell’energia primaria o energia incorporata, ossia che prendono in considerazione la richiesta energetica necessaria alla loro produzione, al loro trasporto e al loro smaltimento. Solo in questo modo si può conoscere il vero impatto ambientale e la vera richiesta energetica di un materiale.

Alla luce di ciò, tantissimi materiali edili e modalità costruttive possono essere a "bassa bolletta" e a "bassi consumi", pur avendo un enorme impatto ambientale.

Il materiale strutturale, cioè di sostegno, più sostenibile ed ecologico per l’ambiente è il legno e i prodotti da esso ricavati, quali legno lamellare, legno massiccio, travi duo e trio, pannelli a strati con fibre incrociate (tipo BBS o XLAM).

In modo coerente alla filosofia costruttiva, scegliamo il legno proveniente da foreste certificate FSC o PEFC. In questi impianti forestali, infatti, si esegue un disboscamento controllato e una successiva riforestazione, così da avere produzioni di legname sostenibili per le foreste e l'ambiente.

 

bioedilizia bioarchitettura studio lancri fsc

 

Gli isolanti naturali sono diversi, ognuno con punti di forza e criticità, nonché metodi di posa e costi differenti. I principali sono:

  • Materassini in canapa: molto resistenti all'umidità. La fibra della canapa è estremamente robusta e con canapa additivata a calce si producono addirittura mattoni termici.
  • Lana di pecora: uno degli isolanti naturali con la miglior trasmittanza termica, che la rende molto adatta alle ristrutturazioni.
  • Sughero: materiale dai diversi impieghi in campo edile, sia come isolante che come anti-calpestio.
  • Ballette di paglia: uno dei prodotti naturali a km zero più facili da reperire, perché, con una buona organizzazione, la produzione della paglia edile per un cantiere può essere prodotta nella zona di costruzione.
  • Canna palustre: resistente alle muffe, all’umidità e alla marcescenza, viene raccolta, seccata e legata in pannelli di diversi spessori e non ha nessun altro tipo di lavorazione. È altamente traspirabile e fonoassorbente. Crescita veloce e disponibilità rendono questo materiale davvero eccezionale.

Per quanto riguarda gli intonaci naturali, quelli più diffusi in bioedilizia sono in calce o in argilla, notoriamente tipici della nostra tradizione, sia Romana che Etrusca. Una tecnica di intonaco come quella del coccio-pesto è stata adottata dagli antichi Romani per l'impermeabilizzazione delle cisterne d’acqua, arrivate funzionanti fino ai nostri giorni.

Gli intonaci naturali sono caratterizzati da un buona traspirabilità e lavorano in maniera sinergica con altri materiali naturali, quali il legno e tutti gli isolanti naturali, mantenendoli asciutti e preservandoli dal degrado.

I massetti sono quello strato di solaio che permette la posa e il passaggio degli impianti nei pavimenti. Ci sono diversi tipi di massetti ecologici, come ad esempio:

  • Massetti in calce-canapa: una miscela di malta di calce e fibre di canapa e similari.
  • Massetti a secco in granulati calcarei.
  • Massetti a secco in argilla espansa.
  • Massetti in polvere di argilla.
  • Massetti a secco in granulato Cemwood (scaglie di legno mineralizzate).
  • Massetti a secco in granulato di sughero.
  • Massetti a secco in granulato di pietra vulcanica.

Bambù, l’acciaio vegetale

Lo chiamano "oro verde" o "acciaio vegetale", per noi è il materiale di svolta del millennio!Il Bamb...

Scopri di più

Affinità e differenze della bioedilizia con l’edilizia convenzionale

 

Innanzi tutto è necessario chiarire che la bioedilizia è a tutti gli effetti edilizia. Le caratteristiche che la rendono diversa da quella convenzionale è la tensione verso il risparmio energetico in termini di energia inglobata nei materiali utilizzati e  la creazione di ambienti salubri e privi di sostanze nocive.

Anche l’edilizia convenzionale è sempre più indirizzata verso il risparmio energetico, ma non considera l’energia inglobata nei materiali che utilizza. Isolanti quali il polistirolo e i suoi derivati sono largamente utilizzati nell’edilizia convenzionale e possono abbattere i consumi di energia di una abitazione ad un basso costo economico, ma non abbattono l’impatto ambientale e la dipendenza da altri sistemi quali la ventilazione meccanica, che non fanno altro che nutrire il sistema di uso, consumo e smaltimento delle risorse.

La progettazione bioedile non rinnega tutte le tecniche e i materiali che sono fondamentali in alcune circostanze, quali il cemento, ma ricerca sempre alternative più sostenibili, ove possibile, e dove ciò non sia possibile, progetta per minimizzarne l’utilizzo.

La progettazione Bioclimatica

L’architettura bioclimatica è quell'arte della progettazione architettonica che parte dalle caratter...

Scopri di più

La corte degli archi

Questa villetta con autorimessa gode di uno dei panorami più belli della provincia di Modena. Abbiam...

Scopri di più

In termini di comfort abitativo, l’edilizia convenzionale si concentra sul prevenire l’insorgenza di muffe che, come risaputo, sono nocive alla salute ma, a causa della cattiva (o inesistente) traspirazione dei materiali utilizzati, deve ricorrere a ventilazioni alternative, con conseguente aumento di costi anche da parte del committente.

Non vengono poi prese in considerazione le sostanze nocive, presenti negli intonaci tradizionali, che si disperdono negli ambienti durante gli anni, causando asma e allergie.

 

bioedilizia bioarchitettura studio lancri materiali

 

La bioedilizia risolve molti problemi alla radice: i materiali, essendo traspiranti, non provocano la produzione di muffe e gli intonaci in argilla e calce non contengono sostanze nocive.

Siamo convinti che la bioedilizia possa essere considerata una evoluzione dell’edilizia convenzionale, a cui quest’ultima può ispirarsi ed eventualmente convertirsi.

 

Ristrutturare in bioedilizia

 

La ristrutturazione dell’esistente, oltre ad essere un’opportunità per rendere salubri vecchi ambienti costruiti secondo norme obsolete, è anche una pratica che verrà sempre più incoraggiata da comuni e amministrazioni locali in quanto permette la rivalutazione degli edifici non abitabili e il conseguente risparmio di suolo vergine.

Progettare una ristrutturazione prende in considerazione aspetti legati alla sicurezza strutturale, all’isolamento termico e acustico, al rifacimento di massetti e solai e alla scelta di materiali e tecniche per le finiture.

Anche la singola posa del cappotto termico, rientra nella grande famiglia delle ristrutturazioni e degli interventi che aumentano il valore e l’abitabilità dell’immobile.

Nelle ristrutturazioni è importante, a livello strutturale, l’utilizzo del legno e dei prodotti da esso ricavati. Oltre ad essere ecologico e naturale, la sua leggerezza permette di non appesantire gli edifici già esistenti.

I principali isolanti naturali sono:

  • materassini in canapa
  • materassini in lana di pecora
  • fogli o materassini di sughero
  • arelle di canna palustre
  • ballette di paglia

 bioedilizia bioarchitettura studio lancri lana di pecora

 

Il principale tipo di massetti ecologici a umido è in calce-canapa e similari mentre i massetti ecologici a secco sono:

  • in granulati calcarei
  • in argilla espansa
  • in polvere di argilla
  • in granulato cenwood (scaglie di legno mineralizzate)
  • in granulato di sughero
  • in granulato di pietra vulcanica

Gli intonaci naturali maggiormente proposti sono:

  • a base di calce
  • a base di argilla

Finiture di pregio naturali sono:

  • il coccio-pesto
  • il tadelak
  • il marmorino
  • lo spatolato veneziano

Con il Superbonus al 110%, in scadenza a Dicembre 2022, (a patto che a Giugno 2022 si sia giunti al 60% dell’avanzamento lavori) le ristrutturazioni di ogni tipo sono state fortemente incoraggiate e sostenute e permettono un enorme risparmio economico. 

La progettazione Bioclimatica

La progettazione Bioclimatica

L’architettura bioclimatica è quell'arte della progettazione architettonica che parte dalle caratteristiche climatiche e ambientali del sito di edificazione e riesce a sviluppare un progetto coerente, sfruttando al massimo l'energia e le possibilità offerte dal territorio.

Scopri di più
Bambù, l’acciaio vegetale

Bambù, l’acciaio vegetale

Lo chiamano "oro verde" o "acciaio vegetale", per noi è il materiale di svolta del millennio!

Il Bambù è il materiale perfetto per una società estremamente bisognosa di sostenibilità qual è la nostra.

Scopri di più

Per approfondire

La corte degli archi

La corte degli archi

Questa villetta con autorimessa gode di uno dei panorami più belli della provincia di Modena. Abbiamo sviluppato questo progetto insieme all'arch. Valeria Bottini

Scopri di più
Attico in bioedilizia a Berlino

Attico in bioedilizia a Berlino

La ristrutturazione di un sottotetto in un edificio storico di Berlino è sempre affascinante.

Scopri di più
L’intonaco naturale

L’intonaco naturale

Posa dell’intonaco in argilla alla casa della paglia e del sorriso!

Scopri di più

In evidenza

Nuova stalla con biogas nel modensein corso

Nuova stalla con biogas nel modense

Questa azienda agricola ha la necessità, nel 2018, di ampliare le sue strutture aziendali. Nata nel 1978, l’azienda certificata NO OGM produce latte destinato al Parmigiano Reggiano ed è negli ultimi anni in crescita costante.

Scopri di più
Superbonus: il cappotto termico

Superbonus: il cappotto termico

Gli incentivi messi a disposizione in questi mesi sono di proporzioni mai viste prima; sta a noi sfruttarli con criterio, prolungando il nostro orizzonte fino alle future generazioni.

Scopri di più
La progettazione Bioclimatica

La progettazione Bioclimatica

L’architettura bioclimatica è quell'arte della progettazione architettonica che parte dalle caratteristiche climatiche e ambientali del sito di edificazione e riesce a sviluppare un progetto coerente, sfruttando al massimo l'energia e le possibilità offerte dal territorio.

Scopri di più

Vuoi conoscerci meglio?

Siamo a tua disposizione per parlare di progetti in bioedilizia e bioarchitettura. Iniziamo dalle tue aspettative e cerchiamo insieme le soluzioni migliori per costruire in modo sostenibile.

 

Dichiaro di aver preso visione della privacy presente nel sito

loading